Patente nautica: breve panoramica e come ottenerla

Coltivare la passione per il mare e avere la possibilità di viverlo totalmente, spesso coincide con il desiderio di navigazione: ci sono infatti emozioni che solo il mare può donare. Ovviamente sono moltissime le tipologie di barche disponibili e adatte alle proprie esigenze e possibilità. Per condurne alcune è necessario essere in possesso dell’apposita patente nautica.

In particolare il D.Lgs.n 171 all’art. 3 distingue la “costruzioni destinate alla navigazione da diporto” in unità o nave, imbarcazione, natante. Per quest’ultimo non è previsto l’obbligo di “licenza di navigazione” e di “certificato di sicurezza”.

Per rendere il concetto, potremmo sintetizzare in questo modo:

  • per “natanti” si intendono le barche, a motore e a vela, che abbiano una lunghezza inferiore ai 10 metri;
  • per “imbarcazioni” tutte le barche, a motore o a vela, di lunghezza tra i dieci e i ventiquattro metri;
  • per “navi da diporto”, tutte le unità con lunghezza superiore ai ventiquattro metri.

Quando è necessaria la patente nautica

È obbligatorio essere muniti di patente nautica tutte le volte che ci si trovi al comando di unità da diporto:

  • che abbiano una lunghezza superiore ai dieci metri
  • che siano dotate di motore superiore a 30kW
  • in tutti i casi specifici espressamente previsti riguardo a potenza e cilindrata

(Max 40,8 Cv ma con cilindrata superiore a 750cc, se a carburazione a due tempi; a 1000cc, se a carburazione a 4 tempi fuoribordo o a iniezione diretta; superiori a 1300cc, se a carburazione a 4 tempi entrobordo; a 2000cc, se a motore diesel)

  • a una distanza dalla costa superiore a 6 miglia marine

e inoltre

  • per guidare una moto d’acqua (a prescindere dalla distanza dalla costa)
  • per un’unità che venga usata per lo sci nautico

È opportuno sapere che essere trovati al comando di una imbarcazione sprovvisti dell’apposita patente, può costare veramente caro. Sono infatti previste delle sanzioni pecuniarie che vanno da 2.000€ fino a 8000€ circa (la cifra può anche raddoppiare per imbarcazioni superiori ai 24 metri). Se invece avete conseguito la patente ma, per dimenticanza, non potete esibirla quando richiesta, la sanzione sarà compresa tra i 50 e i 500€.

Requisiti per ottenere la patente nautica

Il primo requisito per la patente nautica è l’età: la soglia minima varia in base alla tipologia di patente che si vuole conseguire. Potremmo sintetizzare schematizzando così: 18 anni per le imbarcazioni; 16 anni per i natanti; 14 anni per tutte le unità a vela che abbino una superficie velica superiore a 4 metri quadri e per i natanti a remi che navigano a una distanza dalla costa superiore al miglio.

Inoltre Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti prevede un regolamento riguardante i requisiti visivi e uditivi per il conseguimento e rinnovo delle patenti nautiche.

Lo scopo è quello di prevedere e regolamentare tutta una serie di ipotesi affinché sia considerato basilare, ai fini della sicurezza propria e altrui, una buona vista e udito, anche con l’ausilio di strumenti di correzione. Vengono pertanto valutate le reazioni agli stimoli luminosi e sonori, proporzionalmente a distanze predeterminate.

Occorrerà inoltre esibire una certificazione medica che attesti che il soggetto interessato: non presenti “sintomi derivanti dal consumo abituale o stato di dipendenza da sostanze stupefacenti o psicotrope” o altre sostanze che possano alterare lo stato psico-fisico; sia esente da patologie o deficit fisici e psichici che possano pregiudicare la sicurezza della navigazione.

Quante e quali sono le patenti nautiche

Esistono sostanzialmente tre categorie di patente nautica: A, B, C. Vediamo insieme quali sono le peculiarità di ciascuna.

Patente A: serve per mettersi al comando di natanti o imbarcazioni da diporto per portarsi a una distanza massima di 12 miglia dalla costa; o senza limite di distanza nel caso ci si metta al comando di una barca a vela e motore o solo motore. Rimane il limite massimo di lunghezza dei 24 m.

Patente B: autorizza al comando di navi da diporto di lunghezza superiore a 24m ma, prima di poterla ottenere è necessario avere la Patente A da almeno 3 anni.

Patente C: viene rilasciata a persone che devono ex-lege portare con sé a bordo e servirsi dell’ausilio di una persona, di età non inferiore ai 18 anni, e in grado di svolgere tutte le attività utili alla navigazione. Il mezzo dovrà inoltre essere provvisto di dispositivi elettronici particolari che siano in grado di individuare l’uomo in mare, in caso di caduta, e provvedere a spegnere i motori.

Come fare a ottenere la patente e conseguire le giuste abilità?

Tutte le volte che tra pratica e burocrazia le cose sembrano complicarsi, la soluzione giusta è quella di rivolgersi a professionisti del settore che siano in grado di renderle facili e agevoli. È questo il caso di Centro Italia Vela, in grado di darvi la formazione e competenza necessarie a superare l’esame di patente. Rivolgersi a una scuola nautica e di vela darà l’opportunità di raggiungere la preparazione indispensabile per il superamento dell’esame e delle competenze necessarie.

Se vivete nei dintorni di Roma vi sarà offerta la possibilità di accedere a un percorso completo di lezioni teoriche e pratiche sia per la navigazione a motore che a vela. La parte teorica sarà tenuta una o due volte a settimana presso la nostra sede in quartiere Prati oppure da remoto online. Presso la darsena di Fiumicino si terranno invece le lezioni pratiche in barca, al fine di essere completamente pronti all’esame.

Per fare fronte alle più svariate esigenze dei suoi clienti, Centro Italia Vela svolge le lezioni in presenza o online alla sera, così da evitare problemi o impegni relativi al proprio lavoro.

Le lezioni si svolgono tutto l’anno eccetto il mese di agosto.

Se siete di Roma e il mondo della navigazione vi appassiona, trovate qui ulteriori informazioni e preventivi per i corsi per le patenti nautiche.